La ricchezza della tradizione pugliese che si apre all’innovazione creando terreno fertile per lo sviluppo di nuove tendenze gastronomiche. È il concetto che da oltre trent’anni scandisce il successo di Pietro Zito, lo “chef-contadino” a capo di Antichi Sapori, indiscusso maestro nel saper valorizzare vecchie ricette capaci di far emergere le peculiarità di prodotti autoctoni. Zito è stato l’ospite d’onore del nuovo appuntamento di “Ri-CostruiAmo il territorio”, promosso da Cooking Solutions e AssoLocali ed ospitato al Castello Svevo Angioino di Bisceglie. Obiettivo dell’incontro valorizzare le autenticità del territorio facendo rete tra produttori, professionisti e istituzioni: ognuno con le proprie esperienze, competenze e testimonianze.

Durante l’evento Zito ha presentato il suo ultimo libro “C’è un fuori e c’è un dentro”, in cui non mancano riferimenti specifici anche alle positive ricadute della cucina pugliese in chiave turistica ed economica.

Grande interesse ha inoltre suscitato il cooking show curato da Zito assieme allo chef Carlo Papagni, incentrato sulla preparazione di alcuni piatti autentici del territorio, con particolare risalito alla focaccia di Bisceglie, in procinto di essere inserita nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani. L’intervista ad Andrea Ferrante, presidente di AssoLocali Bisceglie.