Quasi in contemporanea rispetto alla nota stampa del Comune di Bisceglie in cui vengono chiarite le modalità degli abbonamenti al servizio di sosta a pagamento, in cui si puntualizza che potranno essere sottoscritti sin da subito (già prima dell’attivazione dello sportello in via Prof. Mauro Terlizzi 20 prevista per 1° luglio, https://bisceglie.news24.city/2024/06/11/sosta-a-pagamento-le-modalita-per-abbonarsi/) inviando una e-mail all’indirizzo [email protected], giungono in redazione le riflessioni della consigliera comunale di opposizione Giorgia Preziosa (#nelmodogiusto), già più volte intervenuta sulla vicenda nelle scorse settimane.

 

“Le ciambelle, a volte, non escono con il buco. A quanto pare, in questo Comune, le cose si fanno sempre senza cognizione di causa. A quanto pare i parcheggi a pagamento ripartono dal 15 giugno, ma sino al 1° luglio non verrà data la possibilità agli aventi diritto, di usufruire delle tariffe agevolate in abbonamento. La giustificazione è forse dovuta alla necessità di recuperare le somme non incassate a causa della “nebulosa interruzione” del servizio? E credo proprio di sì, perché considerate che chi si reca al mare o va a farsi una passeggiata sulla litoranea e sosta in tempi diversi sulle strisce blu si troverà a pagare somme a tariffa ordinaria abbastanza importanti rispetto a quelle agevolate in abbonamento”.

 

Chiuso il capitolo legato agli abbonamenti, Preziosa si sofferma su altre tematiche legate all’imminente ripresa del servizio.

“Approvvigionatevi di denaro contante (monete) perché non c’è possibilità, almeno per ora, di pagare con carte bancarie. Perciò, prelevate e poi decidete se parcheggiare o no. Forse non tutti sanno, però, che quando il parchimetro non consente pagamento bancario bancomat/carte di credito è gratis. Infatti la Legge di stabilità 2016 obbliga i comuni e/o i gestori della sosta di adeguare i parchimetri al pagamento con carta o bancomat. Non è corretto invitare l’utente causa problematiche tecniche (mancata attivazione canale bancario al parcometro) al pagamento alternativo al contante, utilizzando una App che se pur offre un servizio aggiuntivo, comunque comporta un esborso economico maggiore, rispetto alla tariffa ordinaria, per ogni transazione effettuata dall’utente (che oscilla da € 0,29 ad € 0,49 in più). Tutto questo può sembrare superfluo, ma l’automobilista che agisce come un buon padre di famiglia si adopererà a portare con sé monete. Per ciò che concerne, poi, la segnaletica, spero che dopo la mia segnalazione, il Comune di Bisceglie si sia adoperato a realizzare una segnaletica ad hoc, verticale e orizzontale”.

“Infine, è lecito chiedere, la nuova azienda ha tutelato gli ausiliari della vecchia gestione? Spero di sì, perché la tutela del lavoratore è importante ed è garanzia di quel principio tanto decantato e costituzionalmente garantito della tutela del lavoratore a 360 gradi. Spero inoltre che la nuova azienda abbia effettuato il sopralluogo in alcune zone di sosta a pagamento che sono lasciate al degrado più totale: infatti, ci sono strisce blu tracciate su strade dissestate (Salnitro, via Cala dell’Arciprete)”, conclude Preziosa.