Annulla tre match-point all’avversario e la spunta ai vantaggi (13-11) di un long tie-break che custodirà indubbiamente tra i momenti più emozionanti della sua carriera. Vittoria al cardiopalmo per Andrea Pellegrino al debutto nel tabellone di qualificazione del Roland Garros. Sul campo numero 2 dell’impianto parigino, il 27enne biscegliese (attuale n. 160 del ranking mondiale) è riuscito a sconfiggere il coetaneo statunitense Maxime Cressy, n. 176 Atp, ma fino a meno di un anno fa stabilmente nella top 50, con un best ranking alla posizione n. 31.

Di fronte all’ultimo autentico seguace in circolazione del “serve & volley”, Pellegrino ha sfoderato una prova caparbia e determinata nonostante la partenza ad handicap: subito sotto 3-0, l’azzurro ha strappato a sua volta il servizio all’americano nel settimo game, quindi si è imposto 7-4 al tie-break. Equilibrio costante nella prima parte del secondo set, quindi il break di Cressy al settimo game ha permesso al “bombardiere” a stelle e strisce di chiudere il parziale sul 6/4.

Il verdetto è stato dunque demandato al terzo set, nel corso del quale entrambi i contendenti hanno regolarmente conservato i rispettivi turni di battuta fino al palpitante epilogo in un long tie-break costellato da clamorosi capovolgimenti di fronte. Cressy è inizialmente balzato sul 5-2, quindi Pellegrino ha replicato mettendo a segno quattro punti consecutivi per il sorpasso. A questo punto lo statunitense, complici alcuni errori gratuiti del biscegliese, ha piazzato un parziale di 4-0 inerpicandosi sul 9-6, dunque con ben tre match-point a disposizione. Tutti neutralizzati da Pellegrino. A sua volta, l’azzurro ha vanificato due opportunità per chiudere i conti (sul 10-9 e sull’11-10), ma alla terza chance non ha dato scampo a Cressy con un poderoso e decisivo lungolinea seguito da un urlo liberatorio.

Al secondo turno del tabellone cadetto di Parigi, Pellegrino incrocerà il 30enne francese Gregoire Barrere, n. 108 Atp, nella passata stagione entrato nei top 50, reduce dal comodo successo all’esordio nel derby transalpino sulla 17enne wild card Theo Papamalamis.