“Una partita così importante e delicata come la finale del girone di Eccellenza tra Bisceglie e Molfetta non si giocherà a porte chiuse”. Inizia così il commento del sindaco Angelantonio Angarano in merito all’epilogo positivo della vicenda che ha tenuto in apprensione nelle ultime ore la comunità sportiva biscegliese, con il serio rischio che il derby – posticipato al 28 aprile – si disputasse nella giornata di domani in assenza di pubblico.
“Sono stati giorni di fitte e proficue interlocuzioni istituzionali, ma alla fine abbiamo raggiunto l’obiettivo, nell’interesse di tutti, società, calciatori e sportivi, che attendono questo incontro con tante, legittime aspettative.
La finale si giocherà il 28 aprile al Gustavo Ventura, a porte aperte.
Non posso che ringraziare il Prefetto della Bat Rossana Riflesso, il Questore della Bat Alfredo Fabbrocini, le forze dell’Ordine, la Federazione Italiana Gioco Calcio e la Dirigenza del Bisceglie. Ciascuno ha avuto un ruolo determinante, consentendo di giungere ad una decisione che preservasse lo spettacolo e la fruibilità.
Ovviamente, sin da ora, il mio appello va ai tifosi, affinché dimostrino maturità e sportività e sugli spalti ci sia il tifo che il derby merita ma contrassegnato da rispetto e correttezza”, conclude Angarano.