Un’opera concepita attraverso un meticoloso lavoro di ricerca negli archivi fotografici degli istituti della Resistenza. Immagini, fotogrammi di film, autentici squarci di vita essenziali per costruire un racconto corale basato su fatti e personaggi realmente esistiti, capace di restituire la complessità e la ricchezza del ruolo delle donne nella Resistenza.

Benedetta Tobagi ha presentato ieri alle Vecchie Segherie Mastrototaro il suo libro, vincitore del premio Campiello 2023, nell’appuntamento promosso dall’ANPI provinciale. Ha dialogato con il professor Michele Lucivero ponendo l’accento soiprattutto sul concetto di “risarcimento” nei confronti di quelle mogli, studentesse, lavoratrici, il cui contributo in quei venti mesi a cavallo tra il settembre del 1943 ed il maggio del 1945 è stato troppo spesso trascurato nella memoria collettiva.

Una presenza, quella femminile, definita dalla stessa Tobagi “strutturale, fondamentale e con tante diverse sfaccettature”.