Un provvedimento di sospensione dell’esercizio dell’attività per la durata di 12 giorni consecutivi, a decorrere dal 3 aprile 2024, è stato notificato nelle scorse ore al titolare – di nazionalità cinese – di un negozio di commercio al dettaglio di confezioni per adulti sito nel centro cittadino.

Il provvedimento è stato emesso dalla Direzione Regionale della Puglia dell’Agenzia delle entrate a seguito della contestazione di quattro distinte violazioni, compiute in giorni diversi, relative alla mancata emissione dello scontrino fiscale in violazione della norma di cui all’art. 12, comma 1, della legge 413/1991.

Tale sospensione è stata operata in applicazione dell’art. 12, comma 2, del decreto legislativo 471/97 che prevede, quale sanzione accessoria alla più ampia normativa che disciplina la regolare emissione della documentazione fiscale, la sospensione della licenza commerciale per un periodo che varia da un minimo di tre giorni ad un massimo di un mese.

Il provvedimento è stato notificato al titolare del negozio, al Dirigente Ripartizione Polizia Locale, Protezione Civile, Sicurezza e Viabilità del Comune di Bisceglie e all’Agenzia delle Entrate – Direzione Regionale della Puglia.

Il commerciante potrà presentare eventuale ricorso al T.A.R. contro la sospensione entro 60 giorni dalla conoscenza dello stesso provvedimento.