Il tempo e la lunghezza della stagione regolare costituiscono, al momento, il più oggettivo conforto: 22 partite ancora da giocare sono tantissime. I Lions Bisceglie, per effetto dello stop rimediato in circostanze rocambolesche nella sfida casalinga con la Virtus Imola, sono rimasti a quota tre successi su 12 incontri nel gruppo B del campionato di Serie B Nazionale Old Wild West. Un bottino misero sia considerando le legittime aspettative che la qualità di quanto prodotto dalla squadra in questo scorcio iniziale dell’annata. La sconfitta di domenica al PalaDolmen è pesante specialmente perché maturata a causa di una combinazione di disattenzioni, sbavature, ingenuità ed errate letture delle situazioni che è divenuta purtroppo una macchia costante sul rendimento dei nerazzurri. Un’assunzione seria di responsabilità da parte di tutti, senza esclusione di alcuno, è divenuta doverosa.

I Lions hanno cominciato bene (12-6 al 5’) e mantenuto le redini della gara fino a metà del secondo quarto, quando i canestri di Masciarelli hanno trascinato i gialloneri ospiti al primo vantaggio (27-29). Bisceglie ha ricucito sul 36 pari ma Imola, in apertura di terza frazione, ha trovato la forza per toccare il +5 (42-47), al quale i padroni di casa hanno saputo replicare con un perentorio 11-0 (53-47). Nel momento in cui avrebbero potuto e dovuto prendere il largo, i nerazzurri non sono riusciti a gestire gli attacchi con astuzia, sprecando opportunità colossali anche nella quarta frazione, condotta per larghi tratti anche con un margine di 4 lunghezze (69-65). Malgrado la prova incolore del temuto lituano Balciunas, la Virtus Imola ha pescato il jolly con Masciarelli, lesto nel segnare per due volte consecutive in contropiede da canestro subìto e nel siglare il 71-73 a 1’25” dal termine dopo aver conquistato un rimbalzo in attacco. Il team di coach Fabbri ha pagato a carissimo prezzo, per l’ennesima volta, la scarsa lucidità nelle fasi più calde della contesa. Mercoledì, alle 20:30, un altro spareggio salvezza sul campo di Vicenza. È fondamentale rialzare la testa subito e rimettersi in carreggiata sotto tutti i punti di vista.

 

LIONS BISCEGLIE-VIRTUS IMOLA 74-77

Lions Bisceglie: Saladini 11, Chiti 15, Ouandie 8, Cepic 16, Dip 15, Maralossou 5, Chessari 3, Tourè 1, Ragusa. N.e.: Turin, Lanotte, Guadagno. All.: Fabbri.

Virtus Imola: Balciunas 4, Barattini 15, Alberti 6, Chiappelli 2, Ohenhen 8, Masciarelli 22, Magagnoli 12, Aglio 4, Morara 4, Morina. All.: Zappi.

Arbitri: Giovagnini di Torino e Turello di Rivalta di Torino.

Parziali: 21-17, 40-42, 55-50.

Note: uscito per cinque falli Saladini. Tiri da due: Bisceglie 21/39, Virtus Imola 18/36. Tiri da tre: Bisceglie 6/22, Virtus Imola 8/21. Tiri liberi: Bisceglie 14/23, Virtus Imola 17/21. Rimbalzi: Bisceglie 39, Virtus Imola 31. Assist: Bisceglie 19, Virtus Imola 14.